RadiFit Digital Health, Tech, Ultime Notizie

RadiFit: il wearable che vuole dire “addio” ai danni alle ginocchia | Foto e Video


Anche quest’oggi torniamo a parlare di dispositivi che aiutano gli atleti a prevenire tediosi infortuni a muscoli ed affini. Si chiama RadiFit, scopriamo insieme come funziona.

RadiFit aiuterà gli atleti ma non solo

RadiFit è un indossabile intelligente, un supporto per le ginocchia, realizzato da una startup americana, RadiFit Athletics.

Il danneggiamento ai legamenti del ginocchio sono un incidente che costringe gli atleti a prestare molta attenzione.

Un wearable come RadiFit è in grado di fornire un sostegno efficace a tutte le tipologie di sport e di sportivi.

RadiFit

Il selling-point principale di questa band risiede nella possibilità di poter tracciare tutti i movimenti delle articolazioni di chi lo indossa ed inviare questi dati ad un app compatibile.

Grazi all’ausilio del sistema delle articolazioni interfalangee distali, RadiFit riesce a comprendere quando il ginocchio potrebbe essere oggetto di infortunio e ad inviare avvisi per intraprendere azioni correttive.

Nasce pensato per gli atleti che vogliono ottenere il massimo dai propri workout ma può essere utilizzato da chiunque.

La campagna di reward-crowdfunding su Kickstarter inizierà a breve.

Ciò detto, l’azienda ha assicurato che sul mercato RadiFit arriverà al prezzo di 199 dollari (circa 180 euro).

Quasi sicuramente i finanziatori del progetto potranno acquistarlo a prezzo scontato.

Le prime spedizioni (qualora la campagna dovesse raggiungere il goal stabilito) sono stimate per il prossimo anno.

RadiFit | Video

Avete mai valutato l’acquisto di dispositivi come questi? Li trovate pratici nello svolgimento dell’attività sportiva?

Fatecelo sapere nel box commenti in basso!

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social, sul nostro canale Telegram e sui nuovi canali dedicati alle offerte del nostro partner l’Arena delle Offerte e l’Arena delle Offerte Cina.
Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

VIA