Rthyn-L6 (11) Recensioni

Rthyn L6, lo smartwatch che telefona | Recensione


Oggi vi proponiamo la recensione di uno smartwatch molto interessante, che fa del rapporto qualità/prezzo il suo cavallo di battaglia. Si chiama Rthyn L6, è dotato di connettività GSM (non 3G) e dobbiamo dire che ci ha molto sorpresi, pur essendo affetto da alcuni gravi bug che saranno evidenziati all’interno della recensione.

Rthyn L6

Recensione Rthyn L6

Rthyn L6: le specifiche dello smartwatch

  • Dimensioni di 44 x 24 x 13 mm;
  • Peso di 65 grammi;
  • Display IPS da 1,22 pollici (con una banda nera in basso che lo “taglia”) con risoluzione 240 x 240 pixel;
  • CPU Mediatek MTK2502;
  • 64 MB di memoria RAM;
  • 128 MB di storage interno espandibile via Micro SD (non inclusa) fino ad ulteriori 16 GB;
  • Batteria da 320 mAh;
  • Connettività GSM 850/900/1800/1900MHz, Bluetooth 4.0.

Dotato di una CPU abbastanza comune in questo genere di prodotti, lo smartwatch si comporta abbastanza bene, anche se l’utilizzo è pesantemente compromesso dal touchscreen veramente poco reattivo ai tocchi.

Lancio

  • AnnunciatoData di annuncio
    01 aprile 2016
  • StatoStato attuale sul mercato
    Disponibile

Design

  • DimensioniDimensioni del dispositivo
    44 x 44 x 13 mm
  • PesoPeso del dispositivo
    65 grammi
  • Materiali costruttiviMateriali costruttivi del dispositivo
    Acciaio e silicone
  • AltroAltro riguardo il design del dispositivo
    --

Display

  • TipoTipo di display
    IPS circolare
  • DiagonaleDiagonale display
    1,22 pollici
  • RisoluzioneRisoluzione display
    240 x 240 pixel
  • MultitouchMultitouch
  • ProtezioneProtezione del display
    --

Hardware

  • ChipsetChipset del dispositivo
    Mediatek MT2502 (Aster)
  • CPUCPU
    clock a 260Mhz
  • GPUGPU
    --
  • RAMRAM
    64MB

Connettività

  • Wi-FiConnettività Wi-Fi
    --
  • 3GNetwork 3G
    No - GSM850/900/1800/1900MHz
  • BluetoothConnettività Bluetooth
    Si, v 4.0

Memoria

  • StorageStorage
    128MB
  • Slot SDPresenza slot SD

OS

  • Sistema OperativoSistema Operativo
    Proprietario
  • RomRom
    --

Fotocamera

  • FotocameraFotocamera
    Non presente

Audio

  • SpeakerSpeaker
  • MicrofonoMicrofono
  • Formati audioFormati audio supportati
    MP3

Batteria

  • BatteriaBatteria
    320mAh

Altro

  • SensoriSensori presenti sul dispositivo
    Pedometro, termometro
  • AltroAltro riguardo il design del dispositivo
    --

Rthyn L6: box di vendita

Questo slideshow richiede JavaScript.

La confezione di vendita dell’Rthyn L6 non risulta essere particolarmente curata, caratterizzata dalla dominanza del colore nero e dell’assenza di riferimenti al Brand e al modello in questione. Sul box, infatti, è incisa esclusivamente una generica scritta “Smart Watch”.

Per quanto riguarda il contenuto, oltre all’Rthyn L6, troviamo un piccolo cacciavite (utile a rimuovere il pannello inferiore dello smartwatch, accedere al vano della batteria ed agli slot per la SIM e la micro SD), quattro viti sostitutive ed il caricatore con plug magnetico.

Infine, completa la risicata dotazione di vendita un manuale utente comprensivo della lingua inglese.

Dal punto di vista dei materiali la scocca dell’Rthyn L6 è realizzata totalmente in plastica dura, mentre il cinturino (non removibile) in silicone. Dobbiamo dire che quest’ultimo ci ha sorpreso per la sua incredibile morbidezza, tale da non creare assolutamente alcun fastidio quando viene a contatto con la pelle.

Rthyn L6

Sul cinturino sono presenti ben 8 fori, ovvero un numero tale da permettere un adattamento perfetto alla maggior parte dei polsi. Per quanto riguarda l’interazione con lo smartwatch, è invece presente un solo tasto fisico sul lato destro, che funziona sia come tasto “home” che come tasto “power”.

Rthyn L6

Come accennato in precedenza, il pannello inferiore dello smartwatch è removibile e questo, forse, è uno dei due aspetti che, da un punto di vista funzionale, ci è piaciuto meno dell’Rthyn L6, in quanto il re-inserimento delle viti per richiuderlo è risultato essere alquanto difficile. Infatti, oltre ad essere piccolissime, queste ultime vanno inserite quasi a contatto con la batteria, creando un’attrazione magnetica che rende difficile il loro posizionamento negli alloggi.

Rthyn L6

Se l’accesso al vano della batterie e degli slot non ci è piaciuto, la stessa cosa non si può assolutamente dire relativamente alla qualità telefonica. L’Rthyn L6, infatti, si è comportato ottimamente da questo punto di vista, consentendo ai nostri interlocutori di udire in modo limpido la nostra voce, sia in condizioni normali (senza molto rumore di fondo), che in auto, dove però qualche fruscio di troppo è stato avvertito.

Considerando che lo speaker è posto sul pannello inferiore e che, quindi, viene parzialmente coperto dal nostro polso, probabilmente era impossibile fare di meglio, se non ovviamente scegliere un posizionamento differente.

L’Rthyn L6 è studiato per essere utilizzato anche come un dispositivo stand-alone, ovvero senza il supporto dello smartphone. Tuttavia, quest’ultimo può essere connesso mediante il Bluetooth, con supporto ai dispositivo con OS Android 4.3 o superiore e tutti gli iPhone con iOS 7 o superiore.

Rthyn L6

L’utilizzo generale di Rthyn L6 è un qualcosa che non ci è piaciuto, non tanto per il sistema operativo in generale (comunque caratterizzato da alcuni limiti), ma quanto per il touchscreen del display. Il pannello, infatti, è risultato essere decisamente poco reattivo ai tocchi, non permettendo un utilizzo ottimale dello smartwatch. Avendo a disposizione esclusivamente il touch come metodo di input, ci saremmo aspettati qualcosa in più.

Rthyn L6

Addentrandoci all’interno dell’OS proprietario, notiamo che non vi è il minimo impuntamento nel passare da una schermata all’altra, così come nell’utilizzare ogni applicazione installata. A proposito di applicazioni, sull’Rthyn L6 potete usufruire delle seguenti funzionalità:

  • Notifiche;
  • Sveglia;
  • Calendario;
  • Agenda (sia quella locale che quella dello smartphone se connesso col Bluetooth);
  • Dialer telefonico (digitazione compromessa dalla qualità del touchscreen);
  • Chiamate recenti (sia quella locale che quella dello smartphone se connesso col Bluetooth);
  • Messaggi (stesso discorso del dialer telefonico);
  • Player musicale per l’ascolto di musica sia locale che via Bluetooth;
  • Camera Bluetooth per scattare fotografie controllando la fotocamera dello smartphone a distanza;
  • File manager per visualizzare i file memorizzati all’interno della Micro SD;
  • Pedometro che funziona in maniera ottima, conteggiando un numero di passi simile alla Xiaomi MI Band 1S ed una distanza simile all’applicazione Runtastic dello smartphone (monitoraggio effettuato col GPS in 3 differenti situazioni);
  • Monitoraggio del sonno;
  • App per la sedentarietà che ci ricorda di effettuare movimento fisico ogni tot minuti (personalizzabile);
  • Siri (no, non stiamo scherzando) per controllare lo smartphone con i comandi vocali;
  • Note vocali per registrare l’audio attraverso il microfono integrato;
  • Cronometro;
  • Calcolatrice;
  • Temi;
  • Impostazioni.

A differenza di quanto si possa credere, l’app temi non va a modificare le watch faces, ma esclusivamente il colore di sfondo dei menu (da nero a blu). Le watch faces, invece, possono essere modificate o mediante la pressione prolungata del quadrante principale oppure dalle impostazioni del display. In totale ne troviamo 5, di cui 3 con quadranti analogici, 1 con quadrante digitale ed 1 con quadrante “misto”. Peccato solo per la banda nera sul bordo inferiore del display, che va a tagliare parte delle watch faces e che, in questo modo, penalizza l’effetto “orologio stadard”.

Rthyn L6

Per quanto riguarda invece le impostazioni, sull’L9 sono disponibili molte opzioni personalizzabili, fra cui il timeout dello schermo, la luminosità, l’utilizzo delle gesture per risvegliare lo smartwatch, per chiudere una chiamata, per silenziare l’audio ecc., la modifica della suoneria, della vibrazione al polso, la gestione del Bluetooth. Da questo punto di vista, un altro aspetto che non ci ha convinto è l’impossibilità di cambiare la lingua dello smartwatch (è, infatti, disponibile esclusivamente l’inglese).

Relativamente all’autonomia, l’Rthyn L6 ha mostrato in questi giorni di prova dei risultati che sono in linea con quelli rilevati su molti altri smartwatch. Grazie alla batteria da 320 mAh, al display poco risoluto, al processore non molto esoso in termini energetici, si riesce a terminare una giornata di uso “normale”, con ovviamente il numero di notifiche ricevute che va ad influenzare tale risultato.  

Rthyn L6

L’Rthyn L6 può essere acquistato al prezzo di circa 32 euro su Gearbest, una valutazione accettabile per un dispositivo tutto sommato valido, soprattutto per chi vuole approcciarsi per la prima volta al mondo degli smartwatch.

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social, sul nostro canale Telegram e sui nuovi canali dedicati alle offerte del nostro partner l’Arena delle Offertee l’Arena delle Offerte Cina.

Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

DESIGN 60%
COSTRUZIONE 60%
USABILITA' 55%
BATTERIA 70%
PREZZO 70%
Giudizio Finale

L'Rthyn L6 è uno smartwatch consigliato soprattutto per chi desidera liberarsi di tanto in tanto dello smartphone per quanto riguarda le telefonate e l'attività fisica.

Punteggio 63%

Rhtyn L6 disponibile a circa 32 euro su Gearbest

Acquista qui