Robots, Ultime Notizie

Primo robot per le consegne in UK entro la fine del 2016


Vi ricordate di DRU, ovvero il Robot creato da Domino per le consegne delle pizze a domicilio? Bene, a quanto pare avrà presto compagnia. Infatti, entro la fine di quest’anno anche in Gran Bretagna sarà operativo un Robot per le consegne!

Mentre Google mette in vendita Boston Dynamics, allontanandosi di fatto dalla robotica, e, seguendo una direzione opposta, IBM mette a punto l’incontro tra Robots e Intelligenza Artificiale con Connie, il settore sembra essere diretto verso l’utilizzo principale dei robot per l’automazione delle consegne a domicilio. Non più solo Amazon con i suoi droni, quindi, ma pizza e altre delizie consegnate direttamente a casa da dei simpatici robot.

Come anticipato in premessa, il prossimo passo sarà fatto in UK, dove la start-up Starship Technologies ha annunciato che i suoi robot sono quasi pronti (da qui a sei mesi) ad invadere le strade di Greenwich per effettuare le prime consegne.

Entro l’anno, quindi, sarà effettuato un primo test, che, in caso di successo, dovrebbe portare all’avvio del servizio, per le imprese locali, a partire dal 2017.

robot per le consegne

Robot per le consegne: approvazione da parte del governo

Come sottolineato dall’azienda stessa, il governo britannico sembra appoggiare caldamente tale iniziativa, soprattutto perché la stessa viene vista come una possibile soluzione sia ai problemi di congestione del traffico che a quelli legati all’inquinamento da smog.

Our robots are providing the businesses with a combination of low cost and convenience while helping the government with lesser congestions on the streets and also zero emissions.

Ahti Heinla - CEO di Starship Technologies

Un progetto che, nell’ottica della realizzazione delle Smart Cities, può quindi migliorare non solo l’aspetto logistico e tecnologico delle stesse, ma anche quello relativo alla salute dei cittadini.

Come sempre vi ricordiamo che per restare aggiornati potete seguirci anche sui Social.

Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

VIA