A-One Ultime Notizie, Video

Cubot A-One: la bicicletta smart nata dalla collaborazione tra Cubot e COSWHELL


Non solo smartphone per Cubot. L’azienda cinese, infatti, sembra proprio sia determinata ad affacciarsi in altri settori tech e, dopo aver recentemente annunciato la sua prima smartband, la compagnia ha intrapreso una interessante collaborazione con COSWHELL da cui ha preso vita il progetto A-One, la bicicletta “intelligente”. Scopriamo di più su questo nuovo prodotto.

Sempre più persone stanno scegliendo la bicicletta come mezzo di trasporto, non solo per evitare i disagi che spesso il traffico cittadino comporta, come le infinite code e la ricerca estenuante del parcheggio, ma anche per sfruttare i vantaggi dell’attività fisica. Per non parlare del risparmio sul carburante!

La nuova A-One potrebbe essere la soluzione perfetta dedicata agli amanti delle city bike. Il design pieghevole la rende pratica e facilmente trasportabile. Il suo peso è di 15,6 Kg (quasi quello di una normale bicicletta), dato in parte dalla presenza di una batteria che garantisce un’autonomia di circa 45 Km.

A-One: la bicicletta smart nata dalla collaborazione tra Cubot e COSWHELL

La particolarità della A-One è il suo essere smart. Infatti, è possibile associare attraverso l’apposita app la bicicletta al nostro smartphone (sono compatibili sia Android che iOs), in modo tale che vengano registrati sul cellulare tutti i dati relativi alla distanza percorsa, alla nostra posizione, alle calorie bruciate e, in generale, alla nostra performance.

Gli sviluppatori hanno aperto una campagna di crowdfunding su Kickstarter per finanziare il progetto. Per saperne di più ed eventualmente finanziare la nuova bicicletta smart A-One vi suggeriamo di visitare la pagina dedicata alla raccolta fondi.

A-One

Purtroppo, la smart bike COSWHELL non è dotata di pedali e questo non ne consente l’utilizzo sulle strade occidentali. Non ci resta che attendere un’eventuale modifica da parte dell’azienda produttrice per rendere il suo prodotto conforme alle norme stradali europee.

Cosa ne pensate di questo progetto? Potrebbe essere una valida soluzione, se opportunamente omologata, per limitare gli inconvenienti del traffico cittadino?

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social e sul nostro nuovo canale Telegram.

Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

VIA


  • Riccardo Benzoni

    hmm, figa la cosa delle calorie bruciate per una biciletta senza pedali!