Fitbit charge HR Digital Health, Ultime Notizie

Fitbit: con la funzione Sleep Schedule ci garantisce sonni tranquilli


Fitbit ha a cuore il benessere dei propri utenti ed è consapevole del fatto che l’attività fisica e il movimento non possono non essere accompagnati da un buon sonno per uno stile di vita sano. La nuova applicazione Sleep Schedule aiuta proprio in questo, vale a dire a favorire un buon riposo nelle ore notturne per svegliarsi al mattino carichi di energie e pronti ad affrontare la giornata.

Di certo Sleep Schedule non vuole essere una soluzione al problema dell’insonnia, ma grazie alle sue funzionalità mira a migliorare il sonno dei suoi utenti. Come? Semplicemente suggerendo l’ora più adatta per andare a dormire, naturalmente in base ai dati raccolti attraverso i wearable dell’azienda in modo tale da fornire consigli personalizzati in base ai diversi stili di vita.

Fitbit: con la funzione Sleep Schedule ci garantisce sonni tranquilli

Fitbit Charge HR Rosa

Lettura consigliata: Fitbit Charge HR Specifiche

Lo scopo è quello di favorire il rispetto del ciclo circadiano, ossia l’alternanza veglia/sonno alla base dei nostri bioritmi. L’applicazione è in grado di valutare il numero di ore di sonno necessarie al nostro benessere in base al nostro stile di vita. Tutti i dati possono essere facilmente consultati nell’interfaccia, che mostrerà anche se stiamo rispettando i vari obiettivi.

Sleep Schedule è frutto della collaborazione tra Fitbit ed un team di esperti del sonno provenienti da diverse università americane tra cui citiamo Michael Grandner dell’Università dell’Arizona, Allison Siebern dell’Università di Stanford e Michael Smith della Johns Hopkins University. L’app è attualmente disponibile per iOS, Android e Windows ed è compatibile con tutti i modelli Fitbit inclusi Surge, Blaze, Charge HR, Alta, Charge, Flex e Fitbit One.

Cosa ne pensate di questa nuova applicazione? Ritenete che sia utile?

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social e sul nostro nuovo canale Telegram.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

VIA