Google Pixel Watch Tech, Ultime Notizie

Google Pixel Watch: due smartwatch in arrivo ad inizio 2017?


La situazione intorno a dei possibili smartwatch di Big G ha iniziato a scaldarsi ad inizio estate scorsa, ma poi non se ne fece nulla. Ora, invece, iniziano a circolare leaks di due potenziali Google Pixel Watch! Scopriamo i dettagli!

Due smartwatch Google in arrivo nel Q1 2017. Saranno i Pixel Watch?

I due orologi intelligenti firmati Google, i cui nomi in codice sono Angelfish e Swordfish, arriveranno nel primo trimestre del 2017.

Abbiamo motivo di considerare credibili queste info, vista e considerata la fonte dalla quale provengono, ovvero il noto leaker Evan Blass.

Le immagini dalle quali potete ammirare i possibili orologi sono state pubblicate dai colleghi di AndroidPolice lo scorso Luglio.

Il design sarebbe piuttosto purista, molto minimale, in pieno stile Google.

Google Pixel Watch

Ciò su cui è interessante riflettere è ben altro: se come riportato da @evleaks i due Google watch arriveranno ad inizio 2017, potrebbero giungere sul mercato direttamente con Android Wear 2.0.

Android Wear 2.0, il cui lancio, come sappiamo, è stato posticipato ulteriormente dopo la release della 3° preview.

Ma soprattutto, se è vero che arriveranno con supporto Google Assistant, magari questa feature sarà integrata anche nella nuova variante dell’OS.

Android Wear 2.0

In realtà non esistono prove che i due orologi saranno dei Google Pixel Watch, ma vista la decisione di eliminare la linea Nexus e la strada intrapresa durante l’evento #MadeByGoogle, è altrettanto improbabile che non lo siano.

Speriamo però che i prezzi di lancio non siano quelli dei Pixel-phone. Troppo cari non trovate?

Cosa pensate di questi Pixel Watch? Sareste interessati ad un loro acquisto? Fatecelo sapere nel box commenti in basso!

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social, sul nostro canale Telegram e sui nuovi canali dedicati alle offerte del nostro partner l’Arena delle Offerte e l’Arena delle Offerte Cina.
Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

VIA