Microsoft-Research Digital Health, Ultime Notizie

Microsoft Research: droni, cloud e trappole per zanzare contro le epidemie


Purtroppo, anche alla luce dei recenti avvenimenti riguardanti il temuto virus Zika, è risaputo che le zanzare sono foriere di malattie, a volte anche potenzialmente mortali. Tuttavia, l’infausto ruolo che questi insetti giocano in natura può essere utile proprio per prevenire e limitare il rischio di epidemie. Microsoft Research sta sviluppando un progetto davvero interessante che sul web è stato definito addirittura come il più innovativo nell’ultimo decennio. Scopriamolo insieme!

Microsoft Research: droni, cloud e trappole per zanzare contro le epidemie

Microsoft-Research

Stiamo parlando del Progetto Premonition di Microsoft Research, che si occupa di sviluppare e di applicare tecnologie avanzate per prevenire malattie ed eventuali pandemie. Alla base della ricerca c’è il principio secondo il quale gli agenti patogeni che causano queste pericolose malattie spesso sono già presenti tra gli animali e si diffondono proprio attraverso le zanzare, per poi, in alcuni casi, evolversi e colpire anche gli uomini.

L’obiettivo è analizzare il sangue contenuto nelle zanzare per raccogliere dati utili sulle cause delle epidemie.

Microsoft Research

In questo progetto di ricerca, appositi droni posizionano e attivano delle trappole, che, al contrario di molti dispositivi simili, sono in grado di distinguere i diversi tipi di insetti, selezionando le zanzare ed evitando, quindi, di catturare farfalle e falene. La trappola è costituita da due microprocessori, che registrano non solo la cattura e i dati relativi alle zanzare, ma anche alcuni parametri come temperatura, vento e umidità, tutti elementi che ne favoriscono la diffusione. Il dispositivo si serve poi di una connessione Bluetooth che trasferisce il tutto al cloud.

Il cloud e gli specifici algoritmi di analisi dei dati aiutano i ricercatori nello studio degli agenti patogeni.

Nel caso in cui voleste saperne di più sul progetto vi suggeriamo di visitare la pagina ufficiale dedicata.

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social e sul nostro nuovo canale Telegram.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

VIA