Pokémon GO con Hololens Ultime Notizie, Video

Pokémon GO con HoloLens: il gioco definitivo!


Pokémon GO sta spopolando ed è diventato in pochissimo tempo un fenomeno vero e proprio, nonostante i server mostrino ancora qualche sofferenza e l’app sia tutt’altro che fluida. Tuttavia, se già a queste condizioni l’applicazione sta riscuotendo un grande successo su smartphone, cosa accadrebbe se l’esperienza diventasse ancora più totalizzante con HoloLens? Scopriamo Pokémon GO con Hololens!

A mettere in pratica questa (fantastica) idea il team di sviluppatori della Digital at CapitolaVR, studio guidato da David Robustelli, che ha dato vita ad una demo ispirata a Pokémon GO che sfrutta al meglio le potenzialità della Realtà Aumentata. Questa incredibile esperienza di gioco è ancora in fase embrionale e sottolineiamo che non ha nulla a che vedere con Ninatic né tanto meno con Nintendo, ma propone un’interessantissima modalità di gioco che, se sviluppata, farà letteralmente impazzire i fan di Pokémon GO (compresa la sottoscritta).

La demo viene mostrata nel video che vi proponiamo ed è stata registrata direttamente da HoloLens. Al momento, è ancora molto presto per parlare di esperienze del genere, in quanto AR e VR sono realtà ancora non così popolari e diffuse, tuttavia in futuro chissà!

Pokémon GO con HoloLens: il gioco definitivo!

Per ora Pokemon sono generati in modo casuale all’interno di un ambiente mappato… Ora ci concentreremo su come usare gesti differenti per le interazioni specifiche. Ad esempio, come aprire l’inventario o attivare la mappa… 

Chi l’avrebbe detto, ad esempio, 20 anni fa quando giocavamo ai mostri tascabili sugli schermi pixellosi del GameBoy che ci saremmo ritrovati oggi a catturare Pokémon per strada? Dunque, un’esperienza così totalizzante come quella con HoloLens non è un’idea assolutamente inverosimile!

Cosa ne pensate? E voi state giocando a Pokémon GO?

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social e sul nostro nuovo canale Telegram.

Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

VIA