Rufus Cuff Ultime Notizie

Rufus Cuff: aprono i pre-ordini per lo smartphone da polso


Se pensate che i display di alcuni smartwatch in commercio siano particolarmente ingombranti, è perché non avete ancora dato un’occhiata al Rufus Cuff, praticamente quello che possiamo definire uno “smartphone da polso”. Una soluzione (estrema?) per tutti quegli appassionati di wearable che si lamentano di quadranti in grado di garantire poco spazio di manovra.

In realtà, il progetto è nato due anni fa, probabilmente è per questo motivo che il Rufus Cuff è dotato di una scheda tecnica abbastanza obsoleta. In effetti, il dispositivo “vanta” un display da 3,2 pollici con risoluzione da 400×240 pixel, oltre ad avere a bordo una fotocamera da 640 x 480 pixel, un processore TI Cortex A9 e Andoid KitKat come sistema operativo.

Tuttavia, tralasciando le caratteristiche tecniche, è l’idea dietro il progetto da tener presente e che propone, in pratica, l’utilizzo di uno smartphone da polso. Si tratta di un dispositivo considerato da chi l’ha provato piuttosto antiquato e particolarmente scomodo, tuttavia se migliorato potrebbe trovare una sua collocazione soprattutto in ambito lavorativo.

Rufus Cuff: aprono i pre-ordini per lo smartphone da polso

Rufus Cuff

Rufus Cuff è frutto di una campagna su Indiegogo, che ha riscosso certo successo, tanto che il CEO dell’azienda produttrice Gabe Grifoni ha annunciato che il dispositivo ha attirato l’attenzione di varie aziende, tra le quali la compagnia specializzata in spedizioni UPS  e prevede che entro 5-10 anni i “computer indossabili” riusciranno a ritagliarsi una significativa fetta di mercato.

In effetti, se migliorati, dispositivi di questo genere potrebbero rivelarsi utili proprio in quei settori lavorativi in cui si ha la necessità di utilizzare un tablet e contemporaneamente avere le mani libere, dunque il Rufus Cuff potrebbe essere una valida soluzione.

Al momento è possibile pre-ordinare Rufus Cuff sul negozio ufficiale al costo di 299 dollari, vale a dire circa 270 euro al cambio attuale. Il dispositivo è disponibile in tre varianti di colore: bianco, nero e rosso. Le prime spedizioni partiranno da luglio di quest’anno, tuttavia i primi lotti saranno spediti a coloro che hanno finanziato il progetto attraverso la campagna di crowdfunding.

Che ne dite? I “computer indossabili” troveranno davvero una loro collocazione su mercato?

Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

VIA