IDEALENS K2 Ultime Notizie, Video

IDEALENS K2: annunciato il visore VR stand alone di seconda generazione


IDEALENS ha annunciato ufficialmente la sua seconda generazione di visori VR stand alone, mostrando un nuovo e interessante headset. Stiamo parlando dell’IDEALENS K2. Scopriamo insieme questo nuovo dispositivo!

Innanzitutto, segnaliamo il fatto che il nuovo visore pesa soltanto 295 grammi, un fattore davvero molto interessante se pensiamo che l’Oculus Rift ne pesa ben 470. Continuate a leggere per tutti gli altri dettagli!

IDEALENS K2: annunciato il visore VR stand alone di seconda generazione

IDEALENS K2

Per quanto riguarda le specifiche tecniche, il nuovo IDEALENS K2 vanta a bordo un display AMOLED 2.5K da 3,81 pollici caratterizzato da un’elevata densità di pixel, ossia ben 770 ppi. Inoltre, il visore è caratterizzato da una frequenza di 90 Hz, una latenza inferiore ai 17 ms ed un angolo di visione di 120 gradi.

Il nuovo headset di IDEALENS è alimentato da una batteria da 3800 mAh, oltre a godere di un processore Exynos 7420, lo stesso SoC che ritroviamo nel Samsung Galaxy S6. 3 GB di RAM e 32 GB di memoria interna espandibile tramite micro SD completano la dotazione.

Per ciò che concerne il sistema operativo, a bordo dell’IDEALENS K2 sarà presente Ideal OS, vale a dire una versione appositamente modificata di Android.

Il nuovo K2 non verrà lanciato sul mercato da solo, anzi! Il visore sarà accompagnato da almeno 100 giochi, circa un milione di ore di video e un controller Bluetooth. Insomma, non c’è da temere la scarsità di contenuti! Inoltre, IDEALENS K2 sfrutta la connessione Wi-Fi, tuttavia sembra essere in programma a breve la presentazione di una versione dotata di modem 4G.

La compagnia, al momento, non ha rivelato prezzo né finestra di lancio, non ci resta che aspettare notizie ufficiali da parte di IDEALENS.

Cosa ne pensate? Vi interessa questo dispositivo?

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social e sul nostro nuovo canale Telegram.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

VIA