Microsoft Hololens Tech, Ultime Notizie

Microsoft al lavoro su un visore VR/AR dal prezzo abbordabile


L’evento Surface è stato, a nostro modo di vedere, discretamente ricco di novità, le quali però “fanno paura” ad altri Big del settore. Prima far tutti, ovviamente, il lussuosissimo all-in-one Surface Studio! Ma vogliamo parlarvi d’altro quest’oggi, di un nuovo visore VR/AR firmato Microsoft!

Ecco il nuovo e misterioso visore Microsoft per competere con Oculus e Google

Dopo gli annunci ed i leak circa i competitor Facebook/Oculus e Google, anche Microsoft decide di calare l’asso.

Esattamente come i primi due, il visore Microsoft, che dovrebbe fondere VR ed AR, è ancora in lavorazione.

Non si conoscono né nome né tanto meno le caratteristiche definitive.

Dalla demo si percepisce ben poco, dovrebbe essere senza fili ed eseguire naturalmente Windows 10.

Microsoft VR AR

Niente sistemi laser o fotocamere esterne, il misterioso visore della società di Redmon integrerà come Oculus Santa Cruz una sorta di sensori interni inside-out.

Anche il prezzo è vago, si parla di una base di partenza di 299 dollari (circa 274 euro) senza però poi specificare alcunché.

Certo è che il target di mercato non sarà quello dei devs a cui è stato offerto Hololens a 3000 dollari, ma prima di sbilanciarci aspettiamo ancora un po’.

Microsoft VR AR

Anche perché non vì è asosluta chiarezza: pare che Microsoft realizzerà la tecnologia ma all’hardware penseranno aziende quali: HP, Dell, Lenovo, Asus ed Acer.

Considerando che i primi visori non dovrebbero arrivare prima dell’aggiornamento di Windows 10 Creator, atteso per Gennaio 2017, c’è ancora tempo per leak e speculazioni.

Voi che ne pensate? Avete in mente di acquistare un visore di questo tipo? Fatecelo sapere nel box commenti in basso!

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social, sul nostro canale Telegram e sui nuovi canali dedicati alle offerte del nostro partner l’Arena delle Offerte e l’Arena delle Offerte Cina.
Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

VIA