facebook

Negli ultimi anni sembra essere aumentato (e di molto) il numero delle persone soggette ad intolleranze alimentari e, tra queste, una delle più frequenti è quella al glutine (celiachia), un alimento molto presente nella dieta meditteranea. Seppur sia possibile convivere perfettamente con tali intolleranze, le stesse generano spesso dei disagi, soprattutto quando si è a pranzo/cena fuori e, quindi, non si ha il controllo di come è stata preparata la pietanza. Grazie a Nima da oggi gli intolleranti al glutine non avranno più problemi nel mangiare fuori!

Chi ci segue ormai lo avrà capito, il mondo della tecnologia sembra aver preso a cuore (ovviamente anche per ragioni commerciali) la questione relativa alla salute digitale e Nima è solo uno dei tanti dispositivi che, lanciati di recente, cercano di migliorare il monitoraggio e, in generale, la nostra salute.

Nima: tester tascabile per l’analisi della composizione degli alimenti

Con Nima, il tester creato dalla startup 6SensorLabs di San Francisco, sarà possibile fruire di un sensore per il glutine tascabile, con il quale analizzare gli alimenti prima di ingerirli. Nima è dotato di una batteria LiPo da 320mAh grazie alla quale, con una carica completa, sarà possibile eseguire fino a 20 test, i cui risultati saranno visualizzati mediante il display dello smartphone associato via Bluetooth LE (Low Energy).

Nima tester portatile glutine

L’analisi della pietanza avviene in modo molto semplice, in quanto vi basterà prendere un piccolo campione del cibo, posizionarlo all’interno della capsula (ovviamente monouso) dotata di una striscia di anticorpi, che a sua volta sarà riposta all’interno di Nima per il test vero e proprio: 2 minuti e l’analisi del campione darà i suoi risultati visualizzando una faccina felice o triste a seconda che il test sia negativo o positivo.

Nima tester portatile glutine

In questo modo, come spiega l’AD di 6SensorLabs Shirene Yates a PCWorld, le persone potranno dire addio a quel senso di preoccupazione quando devono uscire per andare a cena fuori. L’accuratezza del tester è pari al 99,5%.

Inoltre, Nima sarà anche molto social, in quanto ogni qualvolta un alimento sarà oggeto di test, sarà possibile condividere la pietanza analizzata (con tanto di risultato positivo o negativo) in un network dedicato agli utilizzatori del tester.

Nima tester portatile glutine

Nima è attualmente in pre-ordine al prezzo di 199 dollari (circa 177 euro al cambio attuale), mentre a partire dai prossimi mesi sarà disponibile al prezzo maggiorato di 249 dollari (circa 221 euro). Per l’utilizzo di Nima sarà però necessario anche acquistare le capsule monouso (3 incluse), le quali saranno vendute in pacchetti da 12 a 48 dollari (circa 43 euro).

Cosa aspettate a condividere questa notizia con i vostri amici intolleranti al glutine???? Troverete maggiori informazioni sul sito ufficiale Nimasensor.com.

ATTENZIONE: Riportiamo un estratto di quanto giustamente segnalatoci da una nostra attenta lettrice:

“…Mi sembra importante specificare che, se l’alimento non è preparato in un locale che aderisce all’AIC, tutto, non sono gli ingredienti, ma anche la preparazione, il contatto e l’impiatto non saranno sicuri. Quindi a cosa serve testare un angolo di cibo che magari dall’altra parte ci è caduta della farina? O se un punto è stato a contatto con un alimento impanato durante la cottura?…”

Potrebbe interessarti: Le migliori ricette senza glutine. 250 idee per un’alimentazione sana per celiaci e non solo

VIA

No more articles