facebook

In occasione della conferenza d’apertura del Worldwide Developers Conference 2016, evento Apple dedicato agli sviluppatori e a tutte le novità dell’azienda di Cupertino, è stato annunciato l’aggiornamento del sistema operativo per Apple Watch: l’Apple WatchOS 3.0.

Velocità e fluidità sono le parole chiave dell’update. Messo da parte il mirroring da iPhone, le app native permettono un’apertura delle varie applicazioni pressoché istantanea. Degno di nota il nuovo menù che garantirà, a detta dell’azienda, una navigazione molto più fluida rispetto al passato e più simile alla schermata di multitasking dell’iOS. Il tutto sarà accessibile tramite il tasto laterale, che con il WatchOS 3.0 diventa protagonista.

Apple si mostra molto attenta anche per quanto riguarda la sicurezza, attraverso l’introduzione di una funzionalità pensata proprio per le situazioni di pericolo. Infatti, non solo tramite il pulsante laterale sarà possibile effettuare una chiamata d’emergenza, ma automaticamente il dispositivo invierà ai soccorsi un messaggio con la nostra posizione per poterci rintracciare con più facilità, ricordando informazioni utili come allergie ad alimenti o medicinali.

Apple WatchOS 3.0: il nuovo OS promette più velocità e navigazione migliore

Apple WatchOS 3.0

Un’altra interessante funzione che è stata inclusa in questo aggiornamento è quella chiamata “Scribble“, che trasformerà le lettere tracciate sul display dal nostro dito in caratteri digitali. Tra le novità anche la funzione “Risposte Rapide” con cui sarà possibile rispondere ai messaggi senza andare ad aprire l’applicazione apposita, garantendo appunto una maggiore rapidità nelle operazioni.

WatchOS 3.0 per Apple Watch è già disponibile per gli sviluppatori, mentre gli utenti potranno effettuare il download gratuito nel corso dell’autunno di quest’anno.

Cosa ne dite di questo aggiornamento? Siete impazienti di provare il nuovo WatchOS 3.0?

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social e sul nostro nuovo canale Telegram.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

No more articles