facebook

Il Biohacking sembra oggi una realtà molto più concreta rispetto a qualche anno fa, quando, invece, era considerata una pratica futuristica e limitata ad una ristretta cerchia di persone (per lo più artisti), anche a causa dei costi piuttosto elevati e degli interventi chirurgici invasivi. Oggi, invece, le cose sono molto diverse da allora e non sembra essere più tanto lontano un mondo in cui attraverso degli impianti inseriti nel nostro potremo godere di alcuni miglioramenti delle caratteristiche umane, visto che per alcune persone tutto questo è già realtà!

Lettura consigliata: Top 10 wearable che saranno presto impiantati NEL nostro corpo!

Biohacking: c’è si connette allo smartphone tramite chip impiantati nel corpo

Biohacking

Se leggendo la parola “biohacking” avete subito pensato a cyborg degni di Blade Runner o a umanoidi che potrebbero essere usciti da Terminator vi sbagliate di grosso. Questa pratica sta assumendo sempre più l’obiettivo di amplificare sì le nostre capacità, ma sempre nei limiti della quotidianità. Quindi scordiamoci super-forza e vista a raggi X, almeno per ora.

A dimostrarlo un ingegnere di software, Tim Shank, che vive nel Minnesota negli Stati Uniti, il quale grazie al biohacking, non solo apre comodamente la serratura smart della sua porta di casa tramite un chip impiantato nel dito, ma attraverso un NFC chip è anche in grado di inviare informazioni sul suo smartphone Android con un semplice tocco.

Biohacking

Anche per quanto riguarda la procedura d’impianto, dimenticatevi sale operatorie sci-fi, scienziati, medici e infermieri, infatti, i kit, che oltre ai chip includono anche tutto il necessarie per l’operazione, sono acquistabili online al costo di circa 57 dollari (circa 50 euro) e possono essere tranquillamente applicati nei tattoos shop o nei negozi di piercing.

Lettura consigliata: Top 10 wearable che saranno presto impiantati NEL nostro corpo!

Tutto questo, di certo, toglie un po’ di quell’aurea fantascientifica che il biohacking potrebbe avere nell’immaginario comune, per diventare però una pratica concreta che potrebbe semplificare di molto la nostra vita.

Cosa ne pensate di questa fusione “uomo-macchina”? Vi fareste impiantare chip simili o trovate tutto questo un po’ inquietante?

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social e sul nostro nuovo canale Telegram.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

VIA

No more articles