facebook

Appfour è una software house che si sta focalizzando sullo sviluppo di applicazioni che hanno l’obiettivo di ampliare le funzionalità offerte dal sistema operativo Android Wear di Google. Questa volta la compagnia ha lanciato una nuova e interessante app, stiamo parlando di Wi-Fi Manager for Android Wear. Scopriamo di cosa si tratta!

In pratica, lo scopo di questa applicazione è quello di rendere il nostro smartwatch indipendente e di gestire le reti wireless senza estrarre necessariamente lo smartphone. Una volta aperta Wi-Fi Manager for Android Wear, sarà possibile sfogliare la lista delle reti disponibili inserendo perfino la password tramite il comodo tastierino da polso integrato nell’app.

Wi-Fi Manager for Android Wear
L’elenco delle reti wirless non è l’unica cosa che possiamo visualizzare tramite Wi-Fi Manager for Android Wear, la quale ci fornisce anche tutti i dettagli relativi alla rete come potenza del segnale, indirizzo IP assegnato, ecc.

Ricordiamo che l’applicazione è disponibile gratuitamente al download, tuttavia nel caso in cui voleste anche funzionalità extra, basterà acquistare la versione Pro al costo di 2,99 euro che tra le varie features ci consente anche di impostare un IP statico, di collegarci a reti wireless senza protezione (funzione che, purtroppo, non è prevista nella versione base) e tanto altro ancora.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se volete saperne di più al riguardo ed eventualmente scaricare questa applicazione per il vostro smartwatch vi suggeriamo di visitare la pagina dedicata sullo store Google Play.


logo-app
App Name
appfour
Free   
pulsante-google-play-store
pulsante-appbrain
qrcode-app

Con Wi-Fi Manager for Android Wear potremo gestire le reti wireless da smartwatch

Cosa ne pensate di questa app che rende maggiormente indipendente da smartphone il vostro dispositivo? La scaricherete? Fateci sapere nei commenti!

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social e sul nostro nuovo canale Telegram.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

VIA

No more articles