facebook

Elephone è un’azienda cinese conosciuta anche da noi in Italia soprattutto per la sua produzione di smartphone dall’ottimo rapporto qualità/prezzo. Tuttavia, sulla scia di altri produttori mobile (prima tra tutti Xiaomi) avrebbe intenzione di affacciarsi anche su altri mercati tech. Scopriamo di più!

Recentemente Elephone ha intrapreso una collaborazione con il CASC (Cina Aerospace Science and Technology Corporation) per la realizzazione di nuovi dispositivi; il primo di questi device è l’oggetto che vi mostriamo nelle immagini presenti nell’articolo.

Purtroppo, come potete notare, non è facile comprendere di cosa si tratti, ma, a quanto pare, in base alle informazioni diffuse fino a questo momento, dovrebbe essere un device di fascia alta rivolto al mercato internazionale e dal grande valore estetico e tecnologico.

Elephone sta lavorando ad un misterioso device in collaborazione con il CASCElephone

Tuttavia, per quanto riguarda la natura di questo dispositivo Elephone è blindata, ma in rete non mancano le ipotesi: alcuni pensano che potrebbe trattarsi di un mini-proiettore, per altri è un amplificatore audio, per altri ancora si tratta di un prodotto totalmente diverso. Fatto sta che la partnership con il CASC sembrerebbe una garanzia, considerando il fatto che l’ente asiatico è noto per le sue innovazioni per quanto riguarda i veicoli spaziali e la tecnologia satellitare, di conseguenza potrebbe trattarsi davvero di un prodotto rivoluzionario che potrebbe avere significative conseguenze sul mercato.

Elephone

Ricordiamo che Elephone, dopo essersi affermata come produttrice mobile, si sta affacciando anche ad un altro settore piuttosto popolare, quello degli accessori dedicati al gaming e da poco ha annunciato l’arrivo di un mouse e una tastiera rivolti ai videogiocatori.

Cosa ne pensate? La strategia di Elephone sarà vincente? Riuscirà ad essere apprezzata anche in altri settori?

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social e sul nostro nuovo canale Telegram.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

VIA

No more articles