facebook

Vi ricordate il misterioso wearable per uso medicale sviluppato nei laboratori Google X? E’ ancora in fase di sviluppo e potrebbe presto vedere un update!

Verily (spin-off Google X) è al lavoro su un device medicale di 2° generazione

L’obiettivo di questo wearable è l’utilizzo in ambito scientifico negli studi di ricerca su larga scala.

Verily non è quindi al lavoro su un dispositivo per il mercato consumer, anzi. Il target prefissato è quello della ricerca medico-scientifica, sia privata, che interna al gruppo Alphabet, di cui Verily è arte integrante.

Google wearable

L’obiettivo di Big G è quello di riuscire in futuro a prevedere l’insorgere di eventuali malattie. Come?

Analizzando e monitorando i segnali biometrici di 10-20 mila persone nei momenti precedenti il verificarsi delle malattie. Sembra dura ma…

Google wearable

Al momento non sono ancora state rese pubbliche immagini del device. Alcuni reporter del MIT Technology Review hanno però potuto già vederlo da vicino.

Ad oggi il prototipo Google sarebbe un semplice smartwatch con display e-paper a basso consumo e cinturino in gomma colorata senza pulsanti.

Google X

Le funzioni basilari dello smartwatch dovrebbero prevedere il monitoraggio di pulsazioni, battito cardiaco, temperatura cutanea ed esposizione alla luce.

Quelle di cui invece si vocifera insistentemente sono sensori per elettrocardiogramma, LED per l’analisi glicemica post-prandiale e piastre in metallo per risposta galvanica della pelle.

Google Verily

Ora come ora Verily raccoglie dati su base volontaria, ma in un futuro non troppo lontano immagina che i dottori possano persino prescrivere l’utilizzo dello smartwatch per la prevenzione da malattie.

Questo futuro, a nostro modesto parere, non sembra essere così vicino. Non resta che attendere!

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social, sul nostro canale Telegram e sui nuovi canali dedicati alle offerte del nostro partner l’Arena delle Offerte e l’Arena delle Offerte Cina.
Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

VIA

 

No more articles