facebook

Xiaomi è uno dei produttori più attivi nel mercato wearable e, le statistiche ne dimostrano il successo. Mentre il lancio di Xiaomi Mi Band 3 ha surclassato nei numeri le altre smartband – raggiungendo 1 milione di unità spedite in poco tempo – a far notizia c’è anche il sub brand. Huami, con i suoi Amazfit, ha raggiunto 1 milione di unità vendute nel primo semestre del 2018.

Huami Amazfit, 1 milione di unità vendute per gli smartwatch di Xiaomi

xiaomi huami amazfit stratos

Il parco degli Huami Amazfit è composto essenzialmente da tre prodotti che, in questo periodo, hanno riscosso tantissimo successo. Alla base del successo dei prodotti del sub brand di Xiaomi ci sarebbero diversi valori aggiunti, come l’invidiabile ottimizzazione della batteria. Secondo Huang Wang, presidente e fondatore di Huami, l’espansione di Xiaomi a livello globale, riuscirà a sdoganare definitivamente questi prodotti, dalle qualità indubbie.

LEGGI ANCHE: Xiaomi Mi Band 3 è un successo: spedite più di 1 milione di unità

Dal lancio del primo prodotto, nel 2016, i wearable dell’azienda si sono contraddistinti per gli innumerevoli pregi. L’ultimo in ordine di tempo ad aver raggiunto il mercato è l’Amazfit Stratos, lo sports watch di seconda generazione, caratterizzato, come i predecessori dal display always on transflettivo. Per finire, non si può non sottolineare come l’azienda, così come per l’intera gamma di prodotti, sia andata incontro al successo anche in ragione dei prezzi estremamente concorrenziali.


176,88€
2 new
from 176,88€
Amazon.it
Free shipping

Last updated on 17/07/2018 15:40

Discuti con noi dell’articolo e di Xiaomi nei gruppi TelegramFacebook  dedicati!


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito!
Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.

Questo articolo Huami Amazfit: gli smartwatch di Xiaomi si ritagliano un’importante fetta di mercato è stato pubblicato in origine su GizChina.it.

No more articles