facebook

Oggi recensiamo un nuovo (l’ennesimo) smartwatch cinese dotato di OS Android Lollipop. IQI I2, questo il nome del dispositivo, si propone con delle linee eleganti e una scheda tecnica che, seppur già “vista” su altri dispositivi, è di ottimo livello. Ci sono però dei seri problemi… scopriteli nella recensione che segue!

Potrebbe interessarti: KingWear KW88: tanto fumo, dov’è l’arrosto? | Recensione

IQI I2

Recensione IQI I2

IQI I2: le specifiche dello smartwatch

  • Processore MediaTek MTK6580 con clock massimo di 1.3 GHz;
  • GPU Mali-400MP1;
  • 512MB di RAM;
  • 4GB di memoria interna (non espandibili);
  • display IPS da 1,33 pollici (360 x 360 pixel);
  • dimensioni di 46 x 46 x 15,5 mm;
  • peso 110 grammi;
  • acciaio e pelle;
  • slot SIM (nano SIM);
  • batteria da 450 mAh;
  • OS Android 5.1 Lollipop;
  • connettività: Wi-Fi 802.11 b/g/n, Bluetooth 4.0, GPS, 2G e 3G;
  • misuratore battiti cardiaci;
  • compatibilità con Android e iOS.

[accordion title=”Clicca per le specifiche complete dell’I2 di IQI” id=”id-here”]

Lancio

  • AnnunciatoData di annuncio
    01 luglio 2016
  • StatoStato attuale sul mercato
    Disponibile

Design

  • DimensioniDimensioni del dispositivo
    46 x 46 x 15,5 mm
  • PesoPeso del dispositivo
    110 grammi
  • Materiali costruttiviMateriali costruttivi del dispositivo
    Acciaio e pelle
  • AltroAltro riguardo il design del dispositivo
    --

Display

  • TipoTipo di display
    IPS
  • DiagonaleDiagonale display
    1,33 pollici
  • RisoluzioneRisoluzione display
    360 x 360 pixel
  • MultitouchMultitouch
  • ProtezioneProtezione del display
    --

Hardware

  • ChipsetChipset del dispositivo
    Mediatek MT6580M
  • CPUCPU
    Quad-core Cortex-A7 con clock a 1,3 Ghz
  • GPUGPU
    Mali-400MP1
  • RAMRAM
    512MB

Connettività

  • Wi-FiConnettività Wi-Fi
    Si, 802.11b/g/n
  • 3GNetwork 3G
    SI, 850/2100MHz - GSM 850/900/1800/1900MHz
  • BluetoothConnettività Bluetooth
    Si, v 4.0
  • AltroAltro riguardo il design del dispositivo
    GPS

Memoria

  • StorageStorage
    4GB
  • Slot SDPresenza slot SD

OS

  • Sistema OperativoSistema Operativo
    Android
  • RomRom
    5.1 Lollipop

Fotocamera

  • FotocameraFotocamera
    --

Audio

  • SpeakerSpeaker
  • MicrofonoMicrofono
  • Formati audioFormati audio supportati
    AAC, MP3, WAV

Batteria

  • BatteriaBatteria
    450mAh

Altro

  • SensoriSensori presenti sul dispositivo
    Pedometro, frequenza cardiaca
  • AltroAltro riguardo il design del dispositivo
    GPS
[/accordion]

La lettura delle schede tecniche dei recenti smartwatch cinesi “top di gamma” potrebbe provocare la sensazione del déjà vu e da questo punto di vista non fa eccezione l’IQI I2.

Sul device, infatti, oltre a un display IPS circolare (full round) da 1,33 pollici con risoluzione 360 x 360 pixel, troviamo l’ormai classico processore quad-core Mediatek MT6580 con clock a 1,39 Ghz, affiancato da 512MB di RAM, 4GB di memoria interna non espandibili, uno slot SIM per chiamate vocali e connettività Internet (WCDMA 850/2100MHz) e l’OS Android Lollipop 5.1.

Molto completo come al solito anche il pacchetto connettività, per il quale è possibile annoverare il Wi-Fi b/g/n, il GPS e il Bluetooth 4.0, quest’ultimo utile all’associazione allo smartphone per la visualizzazione dei dati fitness raccolti.

Non manca il classico pedometro e l’ormai altrettanto usuale misuratore di battiti cardiaci.

L’autonomia è garantita da un’ampia batteria da 450mAh. L’OS, come anticipato in premessa, è una versione moddata di Android Lollipop 5.1.

IQI I2: box di vendita

Questo slideshow richiede JavaScript.

Seppur realizzata in cartoncino, la confezione di vendita dell’IQI I2 risulta essere molto curata ed elegante. Inoltre, tra tutti i dispositivi fino ad oggi provati, questo I2 è quello che all’interno del box sembra essere stato maggiormente messo al riparo da eventuali danni da urti/cadute.

Lo smartwatch, infatti, è avvolto in un materiale espanso, che lascia spazio anche agli altri accessori.

All’interno del box troviamo quanto segue:

  • IQI I2;
  • base di ricarica;
  • cavo USB-micro USB;
  • piccolo cacciavite per smontare il retro e inserire la SIM;
  • breve manuale in lingua inglese.

[header text=”DESIGN” subtext=”Importante| Voto 8″]

IQI I2

Il design dell’IQI I2 è quello di un classico orologio da polso, elegante quanto basta, con i colori dell’acciao e della pelle nera interrotti da delle finiture in arancione.

Come sul KingWear KW88, anche su questo smartwatch è presente una ghiera, di qualità superiore rispetto all’altro dispositivo in quanto metallica, ma decisamente fuori asse e, anche in questo caso, non roteante.

[header text=”COSTRUZIONE” subtext=”Ottima, ma con dei difetti | Voto 7″]

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fatta eccezione dell’appena citata ghiera fuori asse (un dettaglio estetico peraltro poco visibile), la costruzione dell’I2 è sicuramente di qualità.

In generale i materiali costruttivi e l’assemblaggio sembrano essere di ottimo livello, ma peccato per lo spessore e il peso del dispositivo, decisamente superiori alla media (dal punto di vista dell’assemblaggio una nota importante nel corso della recensione).

Abbastanza buono il comfort quando lo si indossa, anche se cinturino non molto flessibile e una generale “durezza” di tutta la costruzione fanno risultare lo smartwatch meno comodo di altri provati in precedenza. Inoltre, l’utilizzo prolungato genera un po’ troppo sudore nella zona di contatto.

IQI I2

 

La qualità generale è comunque immediatamente percepibile e a differenza di molti altri competitors sull’IQI I2 non troviamo parti in plastica (non lo è nemmeno la cover posteriore che protegge il vano batteria/SIM).

Posteriormente troviamo anche i 4 PIN magnetici per l’aggancio della basetta di ricarica e il misuratore dei battiti cardiaci.

IQI I2

Sul lato destro troviamo l’unico tasto fisico presente sullo smartwatch, grazie al quale sarà possibile attivare/disattivare il dispositivo dallo stand-by e sfruttare la funzioni di pulsante back all’interno dell’interfaccia.

Come già visto in precedenti occasioni, anche sull’IQI I2 la pressione prolungata del tasto permetterà l’accesso ad un menu dal quale sarà possibile selezionare la modalità di visione delle App terze parti (se full o ridotta), spegnere, riavviare e mettere in modalità “power save” il dispositivo, e aprire il multitasking, che, come già visto su altri smartwatch, riprende l’interfaccia a schede di Android Lollipop.

Sullo stesso lato del tasto appena descritto troviamo anche il foro del microfono, mentre sul lato sinistro esclusivamente lo speaker di sistema.

Il display è una buona unità, anche se la non ottimale risoluzione generale delle watch face tende a penalizzarlo nell’effetto finale. Tuttavia, ciò che delude è il touch, in particolare nella zona inferiore, dove tavolta sembra addirittura perdere completamente la sensibilità.

Abbastanza buona la visibilità quando esposto a luce solare diretta, anche se per leggere correttamente i contenuti sarà necessario impostare la luminosità al massimo. Quest’ultima è settabile su 3 livelli (low, mid e high).

IQI I2

Questo slideshow richiede JavaScript.

Molto buono il trattamento oleofobico operato sul vetro a protezione del display, del quale però l’azienda non ha indicato le caratteristiche.

[header text=”USABILITA’” subtext=”Molto lavoro da fare | Voto 4″]

Questo slideshow richiede JavaScript.

La ROM installata sull’IQI I2 e basata su Android 5.1 Lollipop è praticamente la stessa vista sugli altri smartwatch recensiti di recente. Le personalizzazione della casa si limitano, infatti, alle icone dell'”App Drawer” e ad altre piccole customizzazioni minori. Le prime fasi dell’impostazione dell’OS (la prima accensione) tenderà a far surriscaldare il dispositivo. Negli utilizzi successivi non abbiamo rilevato aumenti anomali di temperatura.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Come anticipato, la maggior parte delle Watch Face non sembrano essere realizzate con immagini ad altissima risoluzione. Tuttavia, l’ampia scelta di 28 “facce” permetterà sicuramente ad ognuno di voi di trovare quella che più gli si addice.

Come al solito, per la gestione del dispositivo saranno innanzitutto necessari degli swipe sul display. Vediamoli nel dettaglio:

  1. Swipe dall’alto verso il basso per visualizzare un menu di gestione della connettività (con icone che segnalano la connessione/disconnessione di SIM e Bluetooth) con tanto di data e ora, batteria residua (sia in formato grafico che numerico), i toggle rapidi, i passi eseguiti e il meteo;
  2. Swipe da sinistra a destra per visualizzare le notifiche;
  3. Primo Swipe da destra a sinistra per visualizzare le app e menu e secondo per il lettore musicale;
  4. Infine, uno Swipe dal basso verso l’alto per accedere alle icone della ricerca Google (quella “scritta” e quella vocale).

Relativamente all’usabilità del software valgono le solite considerazioni che ormai riproponiamo ad ogni recensione con protagonista uno smartwatch con display circolare, ovvero che la fruibilità dell’interfaccia è quasi sempre compromessa dalla presenza di un pannello “rotondo”. A ciò però si aggiungono alcuni gravi difetti di questo dispositivo. Innanzitutto non ci è stato possibile collegare lo smartwatch al PC per la copia dei file di test (video, mp3), i quali, per poter effettuare la prova, sono stati scaricati dal Web via Dropbox (con non poche difficoltà).

Per fortuna, anche su questo I2 sarà possibile scegliere (per le app terze parti) tra un’interfaccia “full” (ovvero circolare) e una quadrata (ridotta, ma fruibile per intero), soluzione che, come al solito, definiamo obbiligatoria in caso di APP caratterizzate dalla presenza di tasti menu/funzione agli estremi dell’interfaccia.

Permane il solito problema relativo alle ridottissime tastiere, problema che, come negli altri casi, è parzialmente attenuato dalla presenza della dettatura vocale, non solo consigliata, ma talvolta obbligatoria.

Come sul KW88, anche su questo IQI I2 è presente la gesture wake-up al movimento del polso, che però, al pari di quanto visto sull’altro smartwatch, non sempre viene sempre rilevata e che non visualizza la watch face attiva, bensì una schermata alternativa che mostra esclusivamente l’ora (anche su questo dispositivo per troppo poco tempo).

Le app pre-installate sono il l Play Store, Google Maps, Google Fit e Chrome. Lo spazio a disposizione è di circa 1,40 GB.

Anche relativamente al GPS dobbiamo riportare i soliti bug: difficoltà nel fix, tenuta instabile dei satelliti e navigazione quasi impossibile. Con questi smartwatch dotati di processore MT6580 sembra di rivivere i problemi dei vecchi smartphone con SoC Mediatek.

Nessun problema, invece, conr Bluetooth e Wi-Fi.

Relativamente alle notifiche ripetiamo quanto già detto e ridetto, ovvero che si evendenziano i soliti limiti degli smartwatch dotato di tale base software, con le altrettanto solite customizzazioni che permettono di visualizzare (e non rispondere direttamente dal wearable) i messaggi ricevuti. Ovviamente sarà possibile gestire tramite l’App dedicata da quali applicazioni ricevere notifiche.

In caso di notifiche multiple di una determinata App sarà visualizzato, ad esempio per Wharsapp, sia un messaggio riportante il numero totale delle chat e dei messaggi, sia, scorrendo verso il basso, una notifica per ogni singola chat riportante l’ultimo messaggio (un estratto del messaggio).

Per le notifiche di Telegram e di Whatsapp lo sfondo sarà quello del contatto/canale che ha inviato il messaggio.

Ma il problema principale delle notifiche è legato a quello della sensibilità del pannello nella parte bassa. A volte, infatti, abbiamo avuto difficoltà a passare da una nofica all’altra.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Teoricamente (spiegheremo a seguire il “teoricamente”) l’IQI I2 dovrebbe essere utilizzabile anche in modalità stand-alone, ovvero indipendentemente dallo smartphone associato, e questo grazie alla presenza di uno slot SIM che fornisce connettività 3G e 2G, per Internet e Chiamate/SMS.

Per l’inserimento della nano SIM sarà necessario smontare completamente la scocca posteriore (metallica), un’operazione non comoda e, a nostro avviso, poco sicura, in quanto “mette a nudo” le parti interne del dispositivo, con conseguente rischio di possibili danni involontari.

Noi, ad esempio, successivamente l’inserimento della SIM, non siamo stati più in grado di accendere lo smartwatch, con conseguente impossibilità di un completamento dei test di questa recensione. Ci aggiorneremo in tal senso nei prossimi giorni.

Relativamente alla sensoristica rileviamo delle buone prestazioni del misuratore di battiti cardiaci, piuttosto affidabile e preciso nelle misurazioni (che però non possono essere eseguite in modalità “live”, ovvero, ad esempio, in modo continuo durante l’attività fisica).

Pedometro con precisione nella media non è molto preciso, con una tendenza al ribasso nel calcolo dei passi eseguiti.

Potrebbe interessarti: Scopriamo come contano i passi i fitness tracker!

[header text=”BATTERIA” subtext=” Sei politico | Voto 6″]

A causa del danneggiamento del dispositivo non è stato possibile terminare i test relativi all’autonomia. Tuttavia, l’utilizzo dello stesso in un giorno quasi intero di prove (senza SIM inserita) ci permette di fare una stima della durata della batteria dell’IQI I2. Secondo le nostre previsioni, lo smartwatch permette di raggiungere quasi un giorno intero di utilizzo intenso, ma, purtroppo, per ovvie ragioni non riusciamo ad essere più precisi. 6 politico.

[header text=”PREZZO” subtext=”Non è l’unico problema | Voto 5″]

IQI I2 è uno smartwatch cinese che ha bisogno di un serio intervento di ottimizzazione software, a cui andrebbero aggiunte delle revisioni anche dal punto di vista costruttivo, con chiaro riferimento alle modalità di inserimento della SIM.

Il dispositivo è disponibile su Chinavasion al prezzo di circa 89 euro, un prezzo non molto alto se si considerano le specifiche, ma decisamente non conveniente alla luce di questa (parziale) recensione.

Anche in questo caso, restiamo in attesa di novità da parte dell’azienda.

UPDATE: I problemi riscontrati riguardavano nella maggior parte dei casi il sample ricevuto, ancora un “pre-produzione” e quindi acerbo da tanti punti di vista. L’IQI I2 resta un dispositivo non perfetto, ma che comunque per l’hardware che offre si pone come ottima soluzione per chi vuole provare qualcosa in più (molto di più) di una smartband.

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social, sul nostro canale Telegram e sui nuovi canali dedicati alle offerte del nostro partner l’Arena delle Offertee l’Arena delle Offerte Cina.

Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

No more articles