facebook

Stanchi di dover utilizzare tende o chiudere le persiane per avere un po’ di privacy in casa? La finestra smart della quale vi parleremo in questo articolo potrebbe rappresentare la soluzione! Scoprite di più nell’articolo.

Direttamente dai laboratori di Harvard arriva la prima finestra intelligente che non richiede un costo inaccessibile per essere acquistata.

[blockquote cite=”David Clarke” float=”left” align=”left”]La nostra finestra smart una tecnologia più semplice e meno costosa rispetto a quella delle finestre intelligenti attualmente in commercio e questo perché si basa su un fenomeno fisico e non su reazioni chimiche. [/blockquote]

E’ così che David Clarke di Harvard sottolinea quanto appena affermato, ovvero che con la finestra smart progettata dal suo team sarà possibile fruire di una tecnologia all’avanguardia ad un prezzo accessibile.

Finestra Smart: come è stata realizzata?

La Smart Window realizzata dai ricercatori di Hardvard è composta da uno strato sottile di vetro o plastica compresso tra due altri livelli di elastomero, ovvero materiale polimerico trasparente che, dotato di invisibili fili di argento, è collegato ad un interruttore.

Quest’ultimo interruttore se premuto applica alla finestra un voltaggio (che sarà regolabile) che solleciterà i fili di argento, i quali, muovendosi, comprimeranno l’elastometro. Tale processo andrà a generare automaticamente un filtro opaco sulla finestra (scaturito dalla disomogeneità dei fili) e sarà così che potrete dire addio a tende e persiane, non rinunciando però alla vostra privacy.

Una tecnologia molto semplice che, applicabile anche a grandi superfici, permetterà di poter avere un design pulito e lineare nelle abitazioni del futuro, ma ciò non toglie che potreste continuare a preferire le soluzioni attuali (tende, persiane, ecc.).

Cosa ne pensate di questa nuova trovata? La ritenete utile? Fatecelo sapere nei commenti!

Per non perdere tutte le prossime news relative al settore Smart Home, Wearable e Digital Health seguici anche sui Social.

Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.
VIA

No more articles