facebook

Siamo convinti che il dispositivo di cui vi parleremo quest’oggi risulterà molto interessante per molti di voi lettori. Si chiama Link AKC e nasce dall’amore per i cani.

Link AKC è un collare smart per tenere sotto controllo la salute del nostro cane

Link AKC è un progetto istituito dall’American Kennel Club, associazione americana che riunisce tutti i cani di razza. Ciò detto, comunque, il bracciale sembra davvero un grazioso gioellino.

Link AKC

Questo collare è in grado di assicurare diverse funzionalità: la presenza di un sensore GPS permetterà di tracciare la posizione dell’animale e, anche se collegato alla stazione di base, disegnare un “recinto virtuale” in grado di avvisare qualora questo esca dall’area definita.

Link AKC

Come qualsiasi altro wearable sul mercato, poi, Link AKC è in grado di restituire dati sull’attività fisica del cane, tenendo in considerazione razza, età e dimensioni.

Link AKC ha pensato anche ai padroni che lasciano i propri cani in auto al sole…

Presente poi un sensore di temperatura capace di comunicare se le condizioni dell’ambiente in cui si trovi il cane siano inadatte (troppo freddo, troppo caldo, ecc).

Curiosa è invece la modalità “Adventures” che dovrebbe consentire di creare degli album di memorie con il nostro fedele compagno; potrebbe trattarsi di simil check-in della posizione da caricare poi sui nostri profili social.

Link AKC

Link AKC appare molto curato anche sotto il profilo del design.

Link AKC: prezzo e disponibilità

Link AKC verrà venduto, almeno per ora, solo in Usa al prezzo di 199 dollari (177 euro) e sarà utilizzabile con il pagamento di una fee mensile minima di 6.95 dollari (6 euro) per 24 mesi.

Le spedizioni in Usa sono previste a partire dal prossimo 28 Dicembre, forse un pò in ritardo. No?

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social, sul nostro canale Telegram e sui nuovi canali dedicati alle offerte del nostro partner l’Arena delle Offerte e l’Arena delle Offerte Cina.
Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

No more articles