facebook

I dolori mestruali rappresentano un fastidio che affligge un po’ tutte le donne e, secondo una ricerca, circa il 50% accusa fastidi tali da assumere dei medicinali paleativi. Certo, un articolo del genere sarebbe stato più adatto ad una blogger di sesso femminile, ma, purtroppo, per il momento nello staff di Gizwear non è presente una donna alla quale affidarlo. Cerchiamo comunque di esplicare l’argomento in modo oggettivo. In questo articolo vi parleremo di Livia, ovvero un wearable che permette di alleviare i crampi mestruali. Scopriamo di cosa si tratta!

Livia

 

Livia è un dispositivo che, dall’aspetto molto sobrio e dalle dimensioni ridotte, può essere indossato anche sotto i vestiti e che, una volta connessi gli stickers gel sui punti critici, allevierà il dolore provocato dal ciclo mestruale.

Livia

Il design di Livia può ricordare quello di un lettore MP3 e proprio come un dispositivo del genere sul wearable è presente un ingresso micro USB (nella dotazione sarà inclusa una confezione e un cavo USB di ricarica).

Livia si basa sulla teoria del “Gate Control”, ovvero quella che riduce il dolore semplicemente tenendo i “nervi occupati” mediante la trasmissione di piccoli impulsi.

Semplice da usare ed indossare, priva di medicinali e discreta. Una soluzione che potrebbe rappresentare una manna dal cielo per molte donne.

La parola a voi care lettrici di Gizwear, cosa ne pensate di un dispositivo come Livia? Lo acquistereste?

Per maggiori informazioni sul wearable vi rimandiamo alla pagina di indegogo. La campagna ha attualmente raccolto circa 44.000 dollari (su 50.000 di obiettivo) ed è possibile pre-ordinare il dispositivo al prezzo di 75 dollari (149 dollari il prezzo di listino per l’acquisto successivamente alla chiusuraa della campagna). Le consegne saranno avviate ad Ottobre 2016.

Ecco un video che spiega il funzionamento di Livia

Per non perdere tutte le altre news simili a quella riportata in questo articolo, seguici anche sui Social:

Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

No more articles