facebook

Alla recente conferenza “F8“, tenuta da Facebook ogni anno in questo periodo, durante il suo discorso di apertura Mark Zuckerberg ha speso alcune parole sulla Realtà Aumentata e quella Virtuale, indicando questi settori come il futuro prossimo dei Social media e, quindi, anche il futuro di Facebook.

Mark Zuckerberg: il futuro di Facebook e nel VR e AR

Secondo quanto dichiarato dal CEO di Facebook, infatti, i dispositivi VR, visori e occhiali in primis, saranno strettamente legati a quelli per la Realtà Aumentata (AR), per creare una soluzione più completa da ogni punto di vista e fornire così un’esperienza immersiva mai provata prima e tale da offrire all’utente la possibilità di “navigare” non solo nel mondo virtuale, ma anche di interagire con materiale digitale interattivo nel mondo che lo circonda e, quindi, in Realtà Aumentata.

Secondo Zuckerberg le due tecnologie saranno strettamente legate e opereranno mediante un unico device, anche se non necessariamente nell’immediato futuro, soprattutto per la difficoltà di elaborare e realizzare dal punto di vista tecnico una soluzione del genere. Tuttavia, come sottolineato dallo stesso CEO di Facebook, la sua compagnia sarà sicuramente in prima linea in questa possibilità rivoluzione.

Facebook, lo ricordiamo, ha già acquistato in passato Oculus VR, azienda produttrice del Visore per la Realtà Virtuale Oculus Rift, ovvero il principale avversario sul mercato dell’altro Top di Gamma del settore HTC Vive.

Riguardo al Visore “made in Facebook”, Zuckerberg si è dichiarato soddisfatto dei dati di vendita e per le continue pre-vendite che continuano ad essere operate da fan provenienti da ogni parte del globo.

Cosa ne pensate di questa possibile rivoluzione pronosticata da Zukcerberg? Sarà possibile realizzarla?

Fateci sapere la vostra opinione utilizzando il box commenti in basso.

Restate connessi per non perdere le prossime notizie relative all’integrazione VR e AR in un unico dispositivo.

Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

No more articles