facebook

Anche quest’anno il New York Hall of Science è stato teatro dell’edizione 2016 del New York Maker Faire. Queste tutte le principali novità!

New York Maker Faire 2016: realtà aumentata, medtech, prototipazione 3D

New York Maker Faire

New York Maker Faire: Dress to Impress

Dress to Impress è un progetto si focalizza sul monitoraggio delle condizioni neurologiche per gestire malattie come mal di testa ed epilessia.

Il prototipo presentato in fiera è un vestito capace di mostrare colori differenti in virtù del livello di carico del cervello. Ad esempio il nervosismo si dipinge di rosso, la serenità come verde.

New York Maker Faire 2016

Il desiderio è quello di realizzare un prototipo meno appariscente, magari in combinato con un bracciale.

New York Maker Faire: Maze

Maze è apparentemente un classico labirinto con pallina, ma in realtà c’è molto di più.

Il progetto è orientato ai bambini, offrendo un’esperienza di realtà virtuale mobile molto divertente. I blocchi del labirinto sono magnetici il che rende possibile ridefinire volta per volta il percorso.

New York Maker Faire 2016

La peculiarità sta nel fatto che attraverso smartphone e cardboard tutto si trasforma.

Una foto a Maze, indossiamo il cardboard ed accendiamo la VR. Inizieremo a vivere l’esperienza dimensionale del labirinto, con tanto di ostacoli, suoni ed oggetti.

Maze – Video

Qualora desideriate ulteriori info su Maze, potete recarvi qui. Il prezzo di vendita è di 59.99 dollari (circa 54 euro).

New York Maker Faire: ISSIE

ISSIE è l’acronimo di Internation Space Station Interesting Exercise ma è soprattutto un’App per HoloLens che mira a rende l’esercizio fisico degli astronauti più divertente. Come? Trasformandolo in un gioco!

New York Maker Faire 2016

L’idea è super, vista e considerata la pressione esercitata nello spazio su scheletro e muscolatura umana.

New York Maker Faire: Cyberknitics

Cyberknitics è un progetto per una tesi di laurea magistrale che nasce dalla passione per l’arte.

Si tratta di un wearable capace di trasformare i movimenti del corpo nel lavoro a maglia ed uncinetto in musica.

New York Maker Faire 2016

La base è una cintura di pelle che contiene all’interno diverso hardware: accelerometro e giroscopio sulla mano per tracciare il movimento, un microprocessore con Arduino sull’avambraccio per elaborare i dati, una scheda sulla parte alta del braccio per tradurre dati in audio.

New York Maker Faire: Atta-matic

Così come Cyberknitics, anche Atta-matic nasce come un progetto di tesi di laurea.

Atta-matic è un prodotto composito che consta di tre diversi device wearable che vengono a sincronizzarsi con dispositivi mobili e PC.

New York Maker Faire 2016

KeyBod è una tastiera implementata su una sorta di kimono per incoraggiare una migliore postura digitando direttamente su noi stessi.

Click-kick è un motion-tracker applicato alle scarpe capace di controllare il cursore del mouse mentre si è al lavoro su una scrivania.

Teck-neck è invece un collare che invia messaggi al nostro smartphone in caso di postura errata prolungata del nostro capo.

KeyBod – Video

New York Maker Faire: S.L.E.E.P

Tra i progetti più interessanti c’è sicuramente S.L.E.E.P, acronimo di Safely Light and Evaluate Extraordinary Physiology. 

S.L.E.E.P è un dispositivo che sfrutta onde luminose invisibili per misurare i livelli d’ossigeno e la frequenza cardiaca di un bambino in culla per evitare morte improvvisa infantile.

New York Maker Faire 2016

Il prodotto include un pulsossimetro con luce rossa infrarossi per misurare ossigeno e frequenza cardiaca, una termopila che monitora la temperatura del bambino e sensori che tracciano movimenti e presenza dentro la culla.

New York Maker Faire: Gravity Sketch

Un altro interessante progetto è Gravity Sketch nasce inizialmente come tool per il disegno 3D su iOs, ma si è evoluto ed ha recentemente inaugurato una campagna crowdfunding per realizzare un’App nativa per Pc ed HTC Vive.

Un competitor diretto potrebbe essere Tilt Brush di Google che però non permette di stampare in 3D i propri capolavori.

Gravity Sketch – Video

New York Maker Faire: Aether

Il progetto Aether è un altro di quelli che mescola tecnologia ed arte, in questo caso la danza.

Aether utilizza la tecnologia motion-capture per creare in tempo reale un avatar 3D dell’individuo che balla. Il risultato è incredibilmente affascinante!

Aether – Video

Quale dei progetti presentati al New York Maker Faire vi intriga di più? Fatecelo sapere nei commenti!

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social, sul nostro canale Telegram e sui nuovi canali dedicati alle offerte del nostro partner l’Arena delle Offerte e l’Arena delle Offerte Cina.
Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

VIA

 

No more articles