facebook

Dormire con qualcuno che russa può diventare davvero un’ardua impresa, soprattutto se si ha il sonno leggero. Inoltre, a ciò si aggiunge che il non aver riposato bene durante la notte porta con sé sgradevoli conseguenze come sonnolenza ed irritabilità. In nostro aiuto arriva Silent Partner, un dispositivo dal nome davvero esplicativo, grazie al quale chi dorme con un compagno (o una compagna) che russa potrà finalmente godersi il silenzio e riposare serenamente.

Sul mercato esistono già dispositivi simili come gli spray che, spruzzati in gola prima di coricarsi, provocano un aumento del tono dei tessuti molli dell’orofaringe, riducendo il russare oppure i cerotti nasali che estendono le narici per permettere una migliore respirazione. Silent Partner è un dispositivo innovativo perché non agisce sul corpo di chi russa, ma direttamente sul rumore che provoca.

In dettaglio, la tecnologia “Active Noise Cancellation” rileva l’ampiezza e la frequenza dell’onda sonora del rumore ed emette un’onda sonora di contrasto che annulla la precedente, riducendo il fastidioso suono.

Il dispositivo funziona a batterie, è leggero ed ergonomico, in modo tale da essere confortevole per chi lo indossa. Il materiale flessibile rende Silent Partner adatto ad ogni tipo di viso, dai nasi più sottili a quelli più importanti.

Ecco un video che spiega il funzionamento di Silent Partner

Silent Partner è stato lanciato sul mercato attraverso una campagna di crowfunding che ha riscosso molto successo su Indiegogo. Se volete saperne di più e ordinare il dispositivo, attualmente in offerta al costo di 81 dollari (circa 72 euro al cambio attuale), vi suggeriamo di visitare la pagina di crowdfunding dedicata al progetto, dove potrete trovare tutte le informazioni al riguardo. Le prime spedizioni sono previste a partire da novembre di quest’anno.

Dunque, se condividete il letto con un partner che russa, questa potrebbe essere un’interessante soluzione. Cosa ne pensate di questo dispositivo? Lo acquistereste?

Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

No more articles