facebook

E’ risaputo che, chi più e chi meno, le donne in stato di gravidanza sono particolarmente attente e preoccupate al proprio stato di salute e a ciò che accade al proprio corpo, soprattutto in relazione al benessere del nascituro. Anche in questo caso ci aiutano i wearable! Ecco una lista dei Top 2 wearable per la gravidanza!

Top 2 wearable per la gravidanza

Belli: frequenza e durata delle contrazioni a portata di smartphone!

Belli wearable misura contrazioni

Belli wearable misura contrazioniBloom, un’azienda con base a San Francisco, ha creato un dispositivo indossabile per le donne incinte giunte al terzo trimestre. Il dispositivo, denominato Belli, aiuta le donne a comprendere meglio il proprio corpo e a monitorarlo nel delicato momento della preparazione al parto. Infatti, Belli non è altro che un piccolo e discreto (indossato sotto i vestiti) sensore che misura la frequenza e la durata delle contrazioni (ed anche il numero), per poi sincronizzare i dati con lo smartphone associato.

Inoltre, i dati rilevati potranno essere condivisi direttamente con il proprio ginecologo. Troverete maggiori informazioni sul prodotto sul sito ufficiale dell’azienda.

Ecco un video che mostra Belli in funzione:

Babypod: prima compilation per il vostro bambino!

babypod

babypodBabypod è invece un wearable che si basa sui possibili benefici apportati dalla musica al cervello umano. Infatti, secondo una ricerca diretta dall’Institut Marques, i bambini cominciano a comunicare prima della nascita e il feto a 16 settimane è già in grado di rispondere agli stimoli musicali. Il dispositivo, infatti, non è altro che un tampone vaginale che, connesso via Bluetooth allo smartphone Android o all’iPhone, permette di far ascoltare al bambino dei brani musicali (o, volendo, anche una registrazione della propria voce). Un po’ invasivo, ma interessante… cosa ne pensate?

 


Questi erano i nostri Top 2 wearable per la gravidanza, ma nei prossimi giorni pubblicheremo altri articoli su wearable da utilizzare durante la dolce attesa. Continuate a seguirci!

Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.

 

VIA

No more articles