facebook

Fin dal primo leak sulla nuova Xiaomi Mi Band 2, uno dei principali motivi di interesse riguardo questo nuovo dispositivo è sicuramente stato quello relativo alla dotazione di un display. Le fantasie dei fan del brand cinese sono state accontentate ed oggi, in questa recensione dopo 20 giorni di utilizzo, scopriremo se e come la Xiaomi Mi Band 2 va a migliorare i modelli precedenti.

Potrebbe interessarti: Confronto Xiaomi Mi Band 2 vs Mi Band 1s

Xiaomi Mi Band 2

Recensione Mi Band 2 dopo 20 giorni di utilizzo

Recensione Mi Band 2: Le specifiche

Uno dei punti di forza della ormai “pensionata” Mi Band di prima generazione era di sicuro la portabilità, ovvero un aspetto che con la nuova Mi Band 2 è addirittura migliorato e questo perché il cinturino ora risulta essere caratterizzato da un “feedback” migliore al polso. Il display è una piccola unità OLED da 0,42 pollici, abbastanza visibile al sole, ma non troppo, e caratterizzata da un trattamento anti-impronte piuttosto buono, sicuramente tale da non permettere alle ditate di creare problemi di visualizzazione durante l’utilizzo.

Il device è impermeabile, con standard IP67 e l’App di companion è compatibile con device Android (v4.4 o superiore) e iOS (v7 o superiore).

[accordion title=”Clicca per le specifiche complete della Xiaomi Mi Band 2″ id=”id-here”]

Lancio

  • AnnunciatoData di annuncio
    02 giugno 2016
  • StatoStato attuale sul mercato
    Disponibile

Design

  • DimensioniDimensioni del dispositivo
    15,7 x 10,5 x 40,3 mm
  • PesoPeso del dispositivo
    7 grammi (senza cinturino)
  • Materiali costruttiviMateriali costruttivi del dispositivo
    metallo + cinturino in TPSiV
  • AltroAltro riguardo il design del dispositivo
    Cinturino regolabile in lunghezza da 155 a 210 mm

Display

  • TipoTipo di display
    OLED
  • DiagonaleDiagonale display
    0.42 pollici
  • RisoluzioneRisoluzione display
    nn
  • MultitouchMultitouch
  • ProtezioneProtezione del display
    Finitura oleofobica e una particolare resistenza ai graffi

Hardware

  • ChipsetChipset del dispositivo
    nn
  • CPUCPU
    nn
  • GPUGPU
    nn
  • RAMRAM
    nn

Connettività

  • Wi-FiConnettività Wi-Fi
    No
  • 3GNetwork 3G
    No
  • BluetoothConnettività Bluetooth
    v4.0 BLE
  • AltroAltro riguardo il design del dispositivo
    Compatibile con OS Android 4.4+ e iOS 7.0+

Memoria

  • StorageStorage
    nn
  • Slot SDPresenza slot SD

OS

  • Sistema OperativoSistema Operativo
    nn
  • RomRom
    nn

Audio

  • SpeakerSpeaker
  • MicrofonoMicrofono
  • Formati audioFormati audio supportati
    nn

Batteria

  • BatteriaBatteria
    70mAh

Altro

  • SensoriSensori presenti sul dispositivo
    Battito Cardiaco
  • AltroAltro riguardo il design del dispositivo
    Calcolo passi, qualità del sonno, sveglia intelligente, misurazione battito cardiaco
[/accordion]

[header text=”DESIGN & MATERIALI” subtext=”BeN costRuito e piacevole | Voto 8″]

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sul design della Mi Band 2 c’è veramente poco da dire e questo non solo perché non si discosta molto da quello dei modelli precedenti, ma anche perché si adatta a tutte le occasioni. Inoltre, l’introduzione del tasto soft touch la rende molto più particolare.

La costruzione è impeccabile e il cinturino avvolge benissimo l’olivetta centrale, aspetto da non sottovalutare se si considera che risultava un grosso problema con Mi Band 1 e 1s. Al Polso quasi non la si sente, 4,03 x 1,57 x 1,05 cm sono perfetti per un bracciale smart.

I materiali del cinturino a contatto con il polso non fanno sudare particolarmente e l’occhiello, pur essendo più piccolo di quello della Mi Band 1 e 1s, non sembra tale da richiare di perderla da un momento all’altro.

[header text=”USABILITA’” subtext=”Si poteva far di più | Voto 7″]

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tutto molto bello, ma diciamoci la verità, tutti noi volevano qualcosa di più “professionale” dalla nuova Mi Band 2. I sensori in dotazione ci sono e, quindi, sarebbe potuta essere un’ottima alternativa ad un qualsiasi FitBit. Purtroppo però la precisione non è il punto di forza del device; il pedometro non è precisissimo e il sensore cardio non permette una scansione costante del battito durante l’attività fisica.

Sull’App di companion troviamo la possibilità di settare le notifiche da visualizzare a schermo, ma purtroppo ciò si riferisce esclusivamente all’icona. Infatti, potremo vedere l’icona dell’App corrispondente e avvertire una vibrazione dalla nostra Mi Band 2. Tutto qui. Si poteva fare di più? Assolutamente sì, sarebbe bastato includere un display un po’ più grande e far accendere i LED  più esterni solo per le notifiche, in modo da non compromettere la durata della batteria.

Al momento la Mi Band 2 è un dispositivo ottimo per chi vuole qualcosa di approssimativo, mentre non lo è per chi cerca un qualcosa per un utilizzo “professionale”, soprattutto per la mancanza di un sistema di notifiche completo. Ovviamente, coloro che vengono dalla Xiaomi Mi Band 1s noteranno comunque il passo in avanti.

Tutte le altre funzioni sono prese a piè pari da quelle che erano già presenti sui modelli precedenti, come, ad esempio, l’avviso di chiamata e il monitoraggio del sonno. Quest’ultima funzionalità, ahimè, ha evidenziato qualche problema in più rispetto a quanto visto in passato. Infatti, se, ad esempio, durante la notte ci sveglieremo, nel riaddormentarci difficilmente si riavvierà il monitoraggio del sonno.

Per il resto sul display è possibile visualizzare (opzionalmente, con scelta tramite App) le calorie bruciate, la distanza, i passi effettuati, il battito cardiaco istantaneo e la percentuale di batteria rimanente,.

[header text=”BATTERIA” subtext=” Niente si avvicina a Mi Band | Voto 9″]

Nel panorama smartband, ciò che ha sempre distinto i dispositivi della serie Mi Band è sicuramente da sempre l’ottima autonomia della batteria. Se i predecessori raggiungevano il mese (circa) di utilizzo, con la Xiaomi Mi Band 2 arriviamo a coprire circa 20 giorni, ovvero un ottimo risultato se si considera che è presente un display.

[header text=”PREZZO” subtext=”Bisogna interpretarlo | Voto 7″]

Xiaomi Mi Band 2

“Mi Band”, così come tutti i prodotti Xiaomi, nell’immaginario tecnologico è da sempre sinonimo di economico, low-cost. Tuttavia, in questo caso, almeno per il momento, la situazione sembra essere leggermente diversa. L’attuale prezzo del pre-order della Xiaomi Mi Band 2 fa sì che il device si scontri con altri competitor decisamente più affermati in quanto a precisione e professionalità.

C’è da dire che Xiaomi ha già dichiarato che raddoppierà la produzione, cosa che potrebbe far calare il prezzo e rendere anche la Xiaomi Mi Band 2 a tutti gli effetti un altro Best Buy della casa cinese.

 

La Xiaomi Mi Band 2 è in pre-ordine su Gearbest.com e sarà possibile ottenere uno sconto grazie al voucher GBMI2.

No more articles