facebook

La Xiaomi Mi Band 2 sta riscuotendo un grandissimo successo di mercato a causa della sua completezza e del suo ottimo rapporto qualità/prezzo. Tuttavia, proprio a causa della sua popolarità sembrerebbe che la produzione non riesca a stare al passo con la domanda.

Recentemente Huang Wang di Huami, la compagnia che ha collaborato alla creazione del device, ha provato a rassicurare il pubblico postando un messaggio sul celebre Social network asiatico Weibo, affermando che da luglio la produzione della Xiaomi Mi Band 2 verrà raddoppiata. Tuttavia, lo stesso Wang ha ammesso che il provvedimento non sarebbe bastato a risolvere completamente l’inconveniente, almeno non in tempi brevi.

La conseguenza di tutto è un aumento dei costi della Xiaomi Mi Band 2, che è stata venduta sul mercato cinese addirittura a 229 yuan, vale a dire 30 euro al cambio attuale, quando il prezzo di listino è di 149 yuan, ossia circa 20 euro. Prezzo destinato poi ad arrivare ai circa 35 euro per noi occidentali.

Xiaomi Mi Band 2: bisogna aspettare ottobre affinché sia disponibile per tutti!

Xiaomi Mi Band 2

In realtà, Xiaomi non ha ancora avviato la totale open sale, operazione che aprirà i battenti a partire da ottobre. Dunque, sarà solo da questo autunno che ci sarà una piena disponibilità del prodotto oltre ad una certa stabilità di prezzo.

C’è da dire che, però, allora sarà un po’ tardi e gli appassionati avranno già fatto carte false per acquistare la propria Mi Band 2.

E voi cosa ne pensate? Siete riusciti a fare vostra la Xiaomi Mi Band 2 senza problemi o state affrontando lo sgradevole inconveniente dell’esaurimento scorte?

Per il momento vi ricordiamo che è possibile usufruire di uno sconto mediante il nostro voucher (lo trovate qui).

Se siete ancora indecisi sull’acquisto della smartband vi suggeriamo di dare un’occhiata alla nostra recensione dopo 20 giorni di utilizzo.

Continuate a seguirci per non perdere le prossime news, sui social e sul nostro nuovo canale Telegram.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e YouTube.
VIA

 

No more articles